Attività del centro

Ginnastica pre e post-parto

MANTENERSI IN FORMA DURANTE E DOPO LA GRAVIDANZA

CHE COS'È LA GINNASTICA IN GRAVIDANZA?

pregnantLa ginnastica in gravidanza comprende tutti gli esercizi mirati a favorire la salute e il benessere di una donna, per tutta la durata del periodo pre-parto e anche dopo il parto.

Vista la crescente evidenza scientifica a supporto dei benefici dello sport in gravidanza, o più in generale, dell'esercizio fisico, sempre più donne decidono di restare fisicamente attive e iniziare a praticare qualche forma di esercizio fisico in questo particolare periodo della vita.

 

 

QUALI CAMBIAMENTI FISICI SI VERIFICANO IN GRAVIDANZA?

Durante la gravidanza, avvengono degli importanti cambiamenti di cui bisogna tenere conto se si vuole impostare un programma d'allenamento efficace e sicuro. Tutto l'organismo, per effetto dei segnali provenienti dal sistema neuroendocrino, si prepara alla gestazione, al parto e, infine, all'allattamento.
Ad esempio:

  • L'apparato locomotore è sottoposto a uno stress maggiore a causa dell'aumento di peso e dello spostamento del centro di gravità. Questo può favorire l'insorgenza di dolori in alcune articolazioni oppure di mal di schiena a livello lombare, cervicale e dorsale;
  • L'aumento dei livelli di alcuni ormoni (relaxina e progesterone) favorisce la lassità legamentosa. Ne possono conseguire dolori a ginocchia, spalle , gomiti, ginocchia, ecc;
  • A livello cardiovascolare si nota un aumento del volume di sangue, della frequenza cardiaca a riposo e sotto sforzo e della gittata cardiaca. Tutto ciò determina un aumento della percezione di fatica durante le attività quotidiane e durante l'esercizio fisico.
  • La posizione supina, dal secondo trimestre, rende più difficile il ritorno venoso ed è da evitare;
  • La diastasi dei retti (la separazione dei muscoli retti dell'addome che si verifica frequentemente, anche se con gradi diversi) impone di adottare una certa cautela nell'esecuzione di alcuni esercizi di potenziamento addominale.

A questo bisogna aggiungere i sintomi iniziali della gravidanza, come il mal di testa, la nausea e la sonnolenza, che possono rendere più difficile la regolarità nell'allenamento.

MANTENERSI IN FORMA IN GRAVIDANZA

Sono sempre di più le donne che praticano esercizio fisico o sport per mantenersi in forma durante la gravidanza. Le motivazioni alla base di questa tendenza sono molteplici: la maggiore consapevolezza dei benefici connessi al mantenimento dell'efficienza fisica e del peso corporeo, consapevolezza favorita dai mezzi di comunicazione, alla luce della crescente mole di studi scientifici sull'argomento.

La ricerca non solo assolve lo sport e l'esercizio fisico dalle accuse di rappresentare particolari rischi per il feto o per la gestante, ma addirittura li promuove come mezzi utili a migliorare lo stato di salute di entrambi, favorire il parto e accelerare il recupero successivo. Anzi, la gravidanza è considerata come un ottimo momento per intraprendere un cambiamento positivo dello stile di vita, anche perché i comportamenti adottati in questo periodo sono mantenuti con maggiore probabilità per tutta la vita.

A questo si aggiunga anche l'esigenza, avvertita da molte donne, di conservare al meglio il proprio aspetto fisico, sia durante le varie fasi della gestazione sia in quelle successive al parto, tornando velocemente al peso e alla forma precedenti. Sono entrambe motivazioni valide e importanti, che tuttavia possono essere soddisfatte solo mettendo in primo piano la sicurezza e la salute della donna e del bambino.

COME FARE ESERCIZIO IN SICUREZZA DURANTE LA GRAVIDANZA

Se in passato le linee guida arrivavano a sconsigliare o a vietare la pratica delle attività sportive durante la gravidanza , oggi le raccomandazioni più aggiornate vanno addirittura nella direzione opposta, pur con dei limiti che variano in base alla presenza di fattori di rischio e allo stile di vita osservato prima della gravidanza.

Le raccomandazioni generali fornite dall'ACSM (una delle massime autorità in materia di elaborazione delle linee guida relative all'esercizio fisico) si possono riassumere così:

  • Le donne già attive fisicamente prima della gravidanza possono continuare ad allenarsi, rispettando seguendo le linee guida degli adulti in buona salute. Certamente, in questa fase non è una buona idea aumentare l'intensità dell'esercizio o la sua quantità. Meglio limitarsi a mantenere il livello raggiunto o ridurlo leggermente;
  • Le donne che erano sedentarie prima della gravidanza possono iniziare ad allenarsi, partendo con un'attività da leggera a moderata, per poi raggiungere gradualmente le linee guida degli adulti sani;
  • Non esistono limiti assoluti per quanto riguarda l'intensità dell'esercizio, per le donne abituate ad allenarsi ad alta intensità. Una vecchia raccomandazione prevedeva di non superare una frequenza cardiaca di 140 BPM. Oggi, quel limite si considera ingiustificato: non esiste una soglia assoluta da non superare. L'unica raccomandazione, in assenza di controindicazioni, è quella di non eccedere l'intensità raggiunta negli allenamenti precedenti la gravidanza, comunicare in modo costante col proprio medico e ascoltare il proprio corpo, in modo tale da interrompere l'attività in presenza di nuovi sintomi o controindicazioni;
  • Evitare le attività a rischio di caduta o di traumi addominali, come la bicicletta o gli sport di contatto;
  • Idratarsi correttamente prima, durante e dopo l'attività;
  • Evitare l'esercizio in ambiente molto caldo e umido;
  • Evitare gli allenamenti ad alta quota;
  • Imparare a riconoscere segni e sintomi che impongono di interrompere l'allenamento o il programma, come il giramento di testa, il sanguinamento vaginale e la riduzione della motilità fetale.
  • In presenza di nausea, sonnolenza e mal di testa, monitorare gli orari di comparsa di questi sintomi e la presenza di eventuali fattori che li favoriscono, così da prevenirne la comparsa e programmare le sedute nei momenti migliori della giornata.

I punti elencati sopra sono validi per donne in buona salute e senza controindicazioni particolari alla pratica sportiva. Tuttavia, esistono delle situazioni in cui l'esercizio fisico è vietato (controindicazioni assolute) e altre in cui è consentito solo a patto che i benefici superano i rischi e che si adottino particolari accorgimenti (controindicazioni relative).
Esempi di controindicazioni assolute sono la presenza di malattie cardiache emodinamicamente significative, di malattie polmonari ostruttive o di complicanze legate alla gestazione stessa (cervice incompetente, placenta previa dopo 26 settimane, rottura delle acque prematura, ecc.).
Sono, invece, considerate controindicazioni relative: anemia severa, problemi ortopedici, obesità patologica, aritmie cardiache non ben diagnosticate, ecc.
In ogni caso, la valutazione circa l'opportunità di iniziare o continuare a praticare esercizio fisico deve essere effettuata da personale qualificato.

COME TORNARE IN FORMA DOPO IL PARTO

Dopo il parto vengono meno molte delle preoccupazioni di carattere medico che valgono per la gravidanza. Non essendoci rischi particolari legati alla caduta o ai traumi addominali, è possibile iniziare o ricominciare a praticare tutte le attività sportive o ginnastiche di proprio gradimento, naturalmente tenendo in ampia considerazione le capacità fisiche e lo stato di forma attuali, che può essere decisamente limitato rispetto al periodo precedente la gravidanza. Tuttavia, per molte donne questa fase coincide con una riduzione dell'esercizio fisico praticato, spesso a causa dei maggiori impegni e del minor tempo disponibile a causa delle cure parentali richieste dal neonato.

Un'attenzione particolare è richiesta dalla "diastasi dei retti addominali", una condizione che può comparire in gravidanza e perdurare anche dopo il parto, che comporta un allontanamento maggiore di 2 cm dei muscoli retti dell'addome dalla linea mediana, con assottigliamento del tessuto connettivo centrale che forma la linea alba. In presenza di questa condizione, è bene evitare gli esercizi come il  plank e le sue varianti ,il crhunc, le iperestensioni lombari e tutti gli esercizi che provocano un aumento della pressione intraddominale.

Anche se alcune donne sono in grado di riprendere l'attività a pochi giorni dal parto, il taglio cesareo o altri interventi chirurgici legati a eventuali complicanze possono richiedere tempi più lunghi per il ritorno all'esercizio fisico, oppure comportare aggiustamenti e modifiche agli esercizi precedentemente praticati.
Gli esercizi per il controllo e il rinforzo del pavimento pelvico possono essere iniziati quasi subito dopo il parto.

RICAPITOLANDO…

LA GINNASTICA PRE –PARTO AIUTA A:

  • Mantenere l’elasticità muscolare
  • Potenziare la muscolatura per affrontare il parto
  • Migliora la condizione cardio- vascolare
  • Migliora lo stato psico-fisico

LA GINNASTICA POST-PARTO AIUTA A:

  • Riacquistare una corretta postura
  • Riprendere una giusta mobilità muscolare ed articolare
  • Ripotenziare la muscolatura addominale e paravertebrale molto provata durante il parto
  • Riacquistare la forma fisica.

Prenderti cura di te con la ginnastica in gravidanza è il miglior regalo che tu possa fare a te stessa e al tuo bambino.

logo evoluzione in studio
Evoluzione InStudios.r.l.s
Sede Legale Via collodi 7/d
06012 Città di Castello (PG)
P.IVA: 03570840504 | REA 298912
Pec: evoluzioneinstudio@pec.it

Per iniziare una conversazione cliccare su "Start"

Contatti

Telefono: +39 349 282 7958
Invia e-mail
Orari:
tutti i giorni dalle 08:00 alle 20:00
Sabato su appuntamento

Seguici anche su:

Copyright © 2022 Evoluzione InStudio.

Design & Development By Maspoint.it

Search

+880 322448500 Beverly Boulevard Los Angeles